Home > GUIDE > Guida CAVALLI > TIM TETRICK SEMPRE PIU’ IN ALTO, 12MILA VITTORIE A MENO DI 40 ANNI

TIM TETRICK SEMPRE PIU’ IN ALTO, 12MILA VITTORIE A MENO DI 40 ANNI

Tim Tetrick martedì scorso a Dover Downs è diventato il settimo guidatore nella storia delle corse Usa a raggiungere dodicimila vittorie. Il nordamericano trentanovenne catch driver è il primo a compiere l’impresa prima dei quaranta anni.
Nato in Illinois, Tetrick è cresciuto in una famiglia al 100% ippica, imparando l’attività dal padre Tom e dalla madre Mary Alice. Dopo il lavoro in scuderia – il naturale apprendistato – il giovane Tim ha iniziato a correre alle fiere della contea aiutando papà a cercare di insegnare anche ad altri giovani a crescere, quelli a quattro zampe. Tetrick ha ottenuto la sua prima vittoria in una County Fair – le fiere, appunto – nel 1998 e la sua prima vittoria in un circuito pari-mutuel a Fairmount Park l’anno successivo, cinque giorni dopo il suo diciottesimo compleanno. Da lì in poi è stata una suite ininterrotta di successi, prima in Indiana e poi Chicago a metà degli anni 2000, là dove ha centrato parecchi titoli per numero di gare vinte.
Dopo essersi trasferito sulla costa orientale nell’autunno del 2006, Tetrick è entrato in scena a livello nazionale nel 2007, quando ha stabilito il record con 1.189 vittorie e 18,3 milioni di dollari in premi vinti a traguardo dai cavalli da lui interpretati. Non a caso è stato nominato vincitore del premio Driver of the Year e Rising Star dalla US Harness Writers Association, l’associazione nazionale dei giornalisti ippici. L’anno successivo ha riscritto il record di guadagni con 19,7 milioni di dollari – un dato che è ancora valido oggi – e ha ricevuto il secondo dei suoi quattro riconoscimenti di Guidatore dell’Anno. In carriera ha vinto 228 milioni in montepremi, buoni per essere il numero tre di tutti i tempi. Si è anche classificato tra i primi dieci drivers del Nord America per vittorie ogni anno dal 2004 e ha guidato lo sport in guadagni in ben nove di quelle occasioni. È stato eletto nella Harness Racing Hall of Fame nel 2019 – Arca della Gloria di Trotto – ed è previsto che vi entri a luglio. Tutto questo a neanche 40 anni.