Home > GUIDE > Guida CAVALLI > E’ Alberto Giubilo che vi parla da Parigi

E’ Alberto Giubilo che vi parla da Parigi

Alberto Giubilo: per più di 30 anni la voce dell’ippica in Rai

Per più di 30 anni la voce dell’ippica in Rai, Giubilo ha raccontato le imprese dei cavalli italiani prima alla radio e poi in televisione.

 

Da Ribot a Tornese oltre 30 anni di cronache con uno stile inimitabile

Ribot o Tornese, trotto o galoppo, per lui pari erano. Erano tempi quelli degli anni ’70 e ’80 in cui alla domenica pomeriggio sul secondo canale della tv di stato era possibile assistere in diretta agli eventi clou, nazionali ed internazionali. Derby, Lotteria, Ameruqe, Arc de Triomphe, a raccontarlo sempre lui in giacca e cravatta con quella sua voce garbata da lord inglese senza clamori né aggettivi ridondanti. Cronaca pura, raccontata da maestro.

Figlio d’arte – il padre Giuseppe è stato a sua volta giornalista – Alberto era fratello di Corrado, ex calciatore tra gli anni ’30 e ’50, Sergio e Gianfranco, a loro volta giornalisti sportivi, il primo anch’egli alla Rai come radiocronista ed il secondo al quotidiano Il Tempo. Laureato in legge, Giubilo esordì alla radio nel 1939. Nel ’53 il passaggio alla televisione. La prima telecronaca ippica della Rai fu proprio sua e data 1954.

Un suo documentario – “Poesia del trotto” – è stato proiettato alla Mostra di Venezia nella sezione controcampo italiano, meritando una menzione speciale. Fino al 1975 è stato fra l’altro anche capo ufficio stampa dell’Unire, il massimo ente ippico italiano. Giubilo è comparso anche nel film del ’76 – cult per gli ippici – “Febbre da Cavallo”, interpretato fra gli altri da Gigi Proietti ed Enrico Montesano e diretto da Steno.

Morì a Roma – dove era nato – il 15 maggio 1997, all’età di 79 anni a causa di un arresto cardiaco.