Home > GUIDE > Guida CAVALLI > Un mondo senza Amour

Un mondo senza Amour

Cavalli targati d’Amour

Chiude lo storico allevamento francese, Potin il campione più grande

Il tempo passa, per tutto. Succede nella vita e anche nell’ippica, ovviamente. Sulle piste francesi non vedremo più i cavalli targati “d’Amour“. Gli eredi di madame Eglantine Dubois Giraudet, scomparsa nell’ottobre del 2020, hanno infatti deciso di chiudere lo storico allevamento di L’Aiguillon sur Mer, in Vandea.

Le nove fattrici rimaste passeranno sotto il martello del banditore alla prossima asta Arqana che si terrà il 27 e il 28 gennaio a Deauville.

 

Potin d’Amour, il prodotto più celebre

Fra i d’Amour il prodotto più celebre è senz’altro Potin d’Amour, cavallo di grande bellezza ma con la sfortuna di essere nato nello stesso periodo di un campione assoluto qual è stato Ourasi, di cui fu secondo nel Grand Prix d’Amerique 1989.

E lo sarebbe stato anche l’anno successivo se Minou Gougeon – il driver del vincitore – non avesse lanciato il frustino in segno di esultanza spaventando Potin che lo seguiva e che finì squalificato perché d’istinto saltò l’ostacolo davanti a lui. Per quell’episodio la marchesa di Moratalla, proprietaria di Potin, dette il via a una lunga battaglia legale con il proprietario di Ourasi che alla fine vide Raoul Ostheimer risarcire la nobildonna con una discreta somma.

Potin si consolò in parte al montè dove vinse tre prove di gruppo I, Normandie, Elite e Centaures. Un solo gruppo I invece al sulky, il Selection. Nel palmares anche due Prix del Sud Ouest. In Italia invece lo abbiamo visto per due volte al Lotteria: in entrambe le occasioni vinse la propria batteria.