Home > GUIDE > Guida CAVALLI > Nelson Bunker Hunt, non solo galoppo

Nelson Bunker Hunt, non solo galoppo

Nelson Bunker Hunter

Pochi sanno che il grande proprietario e allevatore Usa degli anni ’70-80 ha avuto un ruolo anche al trotto

Il nome di Nelson Bunker Hunt è emerso nelle discussioni sulle recenti oscillazioni dei prezzi delle materie prime, tra cui valute informatiche, oro e argento, legate alla guerra in Ucraina.

Ma chi era N.B. Hunt, per il mondo e per l’ippica, il galoppo in particolare?

Nato in Arkansas nel 1926 ma texano d’adozione, Hunt era uno degli uomini più ricchi del mondo. Grazie al petrolio e alle speculazioni sull’argento ha guadagnato miliardi di dollari tra la fine degli anni ’70 e l’inizio della decade successiva.

Era anche un importante proprietario di cavalli da corsa e allevatore. Vaguely Noble, Dahlia, Empery, Ecceller e tanti altri sono stati i punti di forza della sua scuderia al galoppo. Pochi sanno però che N.B. Hunt si è tuffato anche nel mondo delle corse al trotto.

Ha infatti provato anche con gli standardbreds, allenati da John Simpson Jr. Acquisì parecchio dalla Hanover Shoe Farms, uno dei più importanti allevamenti del panorama Usa.

John Gaines – altra figura di rilievo nel mondo dei purosangue e figlio del proprietario di trotto Clarence Gaines – l’uomo dei cavalli targati “Way”, come la campionessa Classical Way – è stato partner di Hunt nell’avventura.

E Gaines e Nelson Bunker Hunt sono stati anche fondatori o hanno comunque partecipato alla nascita della Breeders’ Cup, destinata negli anni a venire un punto di riferimento agonistico planetario.

La bancarotta del suo impero economico si riflettè anche sulla partecipazione al mondo delle corse. 580 cavalli passarono sotto il martello del banditore nel 1988 a Keeneland. Il dispersal di purosangue raggiunse la cifra record di 47 milioni di dollari.

Rientrato nell’ippica un decennio dopo solo per divertimento mettendo piatto 50 milioni di dollari senza raggiungere le vette precedenti, N.B. Hunt è scomparso nel 2014.

 

 

Per consultare altre informazioni sui cavalli e sulle competizioni dedicate, puoi visitare la sezione dedicata