Home > GUIDE > Guida CAVALLI > Le andature del Cavallo: Passo, Trotto e Galoppo

Le andature del Cavallo: Passo, Trotto e Galoppo

Le andature del cavallo

Con andatura del cavallo, come suggerisce il termine, si indica il modo in cui si muove l’equino e la velocità che raggiunge. Conoscere le diverse andature, oltre che estremamente utile per chi pratica equitazione come sport, è consigliato per gli amanti delle scommesse sui cavalli.

Fin dall’antichità, il movimento degli animali, e in particolare dei cavalli, è stato oggetto di studio: l’obiettivo era individuare i diversi atteggiamenti e le molteplici posture che gli stessi assumono quando sono in moto, andando così a scavare nel campo della biomeccanica, della fisiologia e non solo.

In questa guida proveremo ad entrare nel dettaglio, soffermandoci sull’elenco andature del cavallo: dalle andature naturali a quelle artificiali, senza dimenticare le andature difettose.

 

Le diverse andature del cavallo: le andature naturali

Tra le diverse andature del cavallo, posto di rilievo è occupato dalle andature naturali, ovvero quelle che il cavallo esegue in maniera del tutto istintiva. Tra queste si annoverano il passo, il trotto e il galoppo. Le spieghiamo di seguito:

1. Il passo: il passo è un’andatura camminata a 4 battute e a 4 tempi. Viene eseguita dal cavallo appoggiando le zampe una dopo l’altra in questo modo: anteriore destra, posteriore sinistro, anteriore sinistro e posteriore destra. Essendo un’andatura dal tempo regolare, non permette al cavallo di raggiungere velocità elevate. Di solito, arriva a toccare picchi di massimo 7-8 km/h. A seconda della lunghezza del passo, si possono distinguere il passo corto, il passo medio e il passo lungo;

2. Il trotto: a differenza del passo, il trotto è un’andatura saltata in 3 tempi e 2 battute bipedali diagonali. Le fasi di appoggio si alternano in questo modo, intervallate da una proiezione in aria: posteriore destro – l’anteriore sinistro, il posteriore sinistro – l’anteriore destro. La velocità media che raggiunge il cavallo nel trotto ordinario è di circa 20 chilometri orari, che diventano 56 km/h nel trotto da corsa. Tra i campioni arrivati a quota 56km/h non poteva mancare il noto cavallo Varenne (qui puoi trovare il racconto della sua storia, tra record e trofei);

Ricordiamo per il trotto si distinguono il trotto battuto – ovvero quando il cavaliere si distacca dalla sella muovendo ritmicamente il bacino – e il trotto seduto (o trotto di scuola) – quando il cavaliere rimane seduto seguendo il movimento del cavallo;

3. Il galoppo: è l’andatura più veloce del cavallo. Si tratta di un’andatura naturale, asimmetrica e saltata che si svolge in 3 battute e 4 tempi e avviene in questo modo: posteriore sinistro, bipede diagonale sinistro e anteriore destro, intervallati da un tempo di sospensione. L’equino che viaggia al galoppo può arrivare anche a sfiorare i 60 chilometri orari seppur per pochi istanti, essendo un’andatura per lui estremamente faticosa.

 

Le andature artificiali dei cavalli: le tipologie più conosciute

Prendono il nome di andature artificiali del cavallo, invece, tutte quelle andature che vengono acquisite dall’equino con l’addestramento. Tra queste si annoverano:

  • Il salto;
  • L’indietreggiare;
  • L’impennata;
  • Il piaffe;
  • La courbette;
  • Le croupades.

Fa parte delle andature artificiali anche il canter: se ti stai chiedendo cos’è, eccoti la risposta. Definiamo canter, conosciuta anche come “piccolo trotto”, quell’andatura in 3 tempi eseguita dal cavallo in questo modo: posteriore sinistro, diagonale sinistro e anteriore destro. Il termine deriva dall’andatura che utilizzava la cavalleria inglese quando, da Londra, procedeva verso Canterbury.

 

Andature difettose: ambio, trafalco e tolt

Chiudono questa rassegna sulle diverse andature del cavallo, le andature difettose, cioè specifiche di una particolare razza o derivata da un ‘difetto’ dell’equino stesso. Vale la pena citare:

1. Ambio (o amble): l’andatura del cavallo ambio è in 2 tempi, non basculata. In particolare, gli arti sono associati nel movimento simultaneo in avanti o indietro per due battute bipedali;

2. Tolt: il tolt è una variante dell’ambio in 4 tempi. Si contraddistingue per il fatto che il cavallo, quando esegue questa andatura, ha sempre almeno uno zoccolo a terra. Viene considerata tra le andature del cavallo islandese, in quanto è naturale nel pony islandese o nel Rocky Mountain Horse.

3. Trafalco: l’ultima andatura del cavallo di cui parlare è il trafalco, specifica della razza brasiliana Mangalarga. In questo caso, l’equino trotta col bipede anteriore e galoppa col posteriore, motivo per il quale le battute diagonali vengono parzialmente dissociate.