Home > GUIDE > Guida Slot > 7 curiosità sulle slot machine che non conoscevi

7 curiosità sulle slot machine che non conoscevi

Curiosità sulle Slot Machine

Famose e popolari in ogni parte del mondo, le slot machine sono tra i giochi più amati sui casinò online. L’evoluzione tecnologica, infatti, ha reso l’audience degli interessati ancora più estesa, ponendo a portata di click una proposta quanto mai ampia e variegata.

Basta fare un giro sul web per rendersi conto della molteplicità di slot esistenti, con l’aggiunta, databile nel lontano 2021, delle Megaways Slot firmate dalla software house Big Time Gaming. Il loro successo si spiega in 6 parole: centinaia di migliaia di combinazioni vincenti.

Ma quanto ne sai sulle slot machine? In questo articolo, vedremo 7 curiosità sulle slot machine che (forse) non conoscevi. Eccole riportate di seguito:

  1. Il genio di Charles Fey e la Liberty Bell
  2. Giocare fa produrre dopamina
  3. Perché il simbolo della frutta?
  4. Il benestare di Michael Jordan
  5. SlotZilla Zip Line… la teleferica di Las Vegas
  6. Tutto in mano alla fortuna (ma quell’eccezione…)
  7. Le vincite da capogiro

 

L’inventore fu… un meccanico

Se oggi possiamo divertirci tra rulli e simboli, il merito va a un meccanico tedesco dalla vena particolarmente creativa. Stiamo parlando di Charles Fey che, nel 1895, pensò bene di rendere realtà un’idea destinata a cambiargli per sempre l’esistenza. La prima slot machine del mondo prende forma dalle sue mani e appare sulla scena mondiale con il nome di Liberty Bell.

Se vuoi approfondire questa curiosità sulle slot machine puoi leggere l’articolo che abbiamo dedicato a Cherles Fey: troverai tutti i dettagli di cui hai bisogno per tornare indietro di circa 125 anni e ripercorrere la storia della Liberty Bell!

 

Giocare fa diventare felici

Tra le diverse curiosità sulle slot machine, eccone una delle più interessanti che ci siano. Secondo diversi studi, le persone si emozionano mentre giocano alle slot machine, tanto da sentire un vero e proprio piacere fisico. Durante la sessione di gioco, il cervello rilascia molte sostanze di gradimento tra cui la dopamina, uno degli ormoni fondamentali della felicità.

Ma non serve vincere per stare bene: già veder apparire 2 simboli vincenti su 3, basta a provocare la produzione di dopamina.

Altri modi, naturali, per aumentare i livelli di dopamina del corpo sono: fare spesso attività fisica, dormire a sufficienza, ascoltare la propria musica preferita, meditare in mezzo alla natura e anche
esporsi alla luce del sole.

 

Perché il simbolo della frutta?

Tra i diversi simboli che possono comparire sui rulli delle slot machine, ce n’è uno che da sempre affascina i giocatori. È il simbolo della frutta, utilizzato con costanza sia nei macchinari da bar sia sui sofisticati programmi presenti su Internet.

Ma come si spiega questa curiosa circostanza? Le prime slot machine non erogavano premi in denari, bensì in caramelle gommose alla frutta. Hai capito bene: chi vinceva, si accaparrava
buonissime caramelle alla frutta che, oggi, sono ricordate con il simbolo della frutta presente sui rulli.

 

Michael Jordan e quella citazione ormai celebre

Personaggi famosi, donne illustri e semplici cittadini del mondo: le slot machine piacciono davvero a tutti. Tra gli appassionati più noti c’è persino l’ex campione della NBA Michael Jordan
che, in passato, ha usato queste parole per sollecitare gli amanti del betting online a giocare con responsabilità e senza eccessi: “Voglio che la gente capisca, il gioco d’azzardo non è una
brutta cosa se lo fai nel quadro di ciò che è destinato a essere, cioè divertire”. Sulla stessa scia anche un proverbio cinese che recita: “Se devi giocare, decidi tre cose fin dall’inizio: le regole del gioco, la posta in palio e soprattutto il tempo di chiusura”.

 

La SlotZilla Zip Line di Las Vegas

A Las Vegas, la città simbolo del gioco d’azzardo, c’è un’attrazione che ricorda proprio una gigantesca slot machine dotata di dati, un bicchiere di Martini e due sagome di ballerine poste sui
lati. Si tratta della SlotZilla Zip Line (nome non casuale!), una teleferica con cui lanciarsi e scorrere lungo il cavo a gran velocità.

Ci sono due tipi di teleferica: quella standard, che parte da circa 23 metri, e quella più alta, che raggiunge i 35 metri. In entrambi i casi, si prova l’inebriante sensazione di volare nel vuoto con
un’accelerazione super!

 

Tutto in mano alla fortuna (ma in passato…)

Più che una curiosità sulle slot machine, è una certezza. È impossibile ingannare il meccanismo e incrementare le possibilità di vittoria. Tutto, o quasi, è in mano alla fortuna considerato che le
linee vincenti e quelle perdenti dipendono da un sistema di generazione casuale dei risultati. Lo stesso prende il nome di Random Number Generator e altro non è che un programma senza
memoria che estrae in continuazione i simboli.

L’unico che riuscì ad hackerare le slot machine fu Tommy Glenn Carmichael: all’età di 16 anni, capì che per ‘sbloccare’ i pagamenti delle slot bastava inserire un pezzo di metallo legato a un filo
all’interno della fessura. Dopo essersi costruito una buona dote tra i casinò della West Coast californiana, pensò di fare lo stesso anche a Las Vegas dove ben presto venne arrestato. E una
volta uscito dal carcere? Il destino lo premiò e venne addirittura assunto dai casinò di Las Vegas per individuare nuove truffe e nuovi metodi per ingannare le slot machine.

 

Successi indimenticabili

Pur non potendo intervenire in nessun modo sul RNG, esistono tips e tricks che conviene conoscere per avere più possibilità di vittoria. E chissà che non li abbiano utilizzati anche coloro i
quali, negli anni, sono diventati famosi per essersi portati a casa cifre esorbitanti. Tra le 3 vittorie che vale la pena ricordare ci sono:

  • I circa 5 milioni di dollari (precisamente 4,6 milioni) vinti da Elmer Sherwin a Las Vegas nel 1989;
  • I 2,8 milioni di euro ottenuti nel casinò di Venezia da un uomo che ha preferito far dimenticare il proprio nome. Ancora oggi, si tratta della somma più esorbitante mai uscita dalle slot della
    casa da gioco veneziana;
  • I 39 milioni di dollari di un ingegnere informatico che, nel 2003 ha sbancato Las Vegas.